• Oggi è: sabato, luglio 21, 2018
PMI

Bando EACEA 15/2017 per progetti di traduzione letteraria – Scadenza 25/07/2017, ore 12 (ora di Bruxelles)

04/luglio/2017

TITOLO BANDO

Bando EACEA 15/2017 per progetti di traduzione letteraria

Scadenza: 25/07/2017, ore 12 (ora di Bruxelles)

 

PROGRAMMA DI RIFERIMENTO

Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA)

Sottoprogramma cultura

 

DESCRIZIONE

Il bando sostiene progetti biennali di traduzione di opere letterarie. I progetti devono riguardare la traduzione e la promozione di un pacchetto di 3-10 opere letterarie e ed essere basati su una strategia per la traduzione, la pubblicazione e la distribuzione delle opere.

Sono ammissibili opere in tutte le lingue ufficiali dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura, compreso Latino e Greco antico, a condizione che o la lingua di origine dell’opera o la lingua scelta per la traduzione siano lingue ufficiali di un Paese UE o EFTA/SEE.
La lingua di traduzione deve essere la madrelingua del traduttore (eccetto i casi di lingue meno parlate) e la traduzione deve avere una dimensione transnazionale.

Le opere da tradurre posono essere sia in formato cartaceo che digitale (e-book). Inoltre, devono:
– essere esclusivamente opere di narrativa di alto valore letterario indipendentemente dal genere, come romanzi, racconti, opere teatrali, poesia, fumetti e narrativa per ragazzi;
– essere state scritte da autori aventi cittadinanza o residenza in uno dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura (escluso per le opere in Greco antico o Latino);
– essere già state pubblicate e mai tradotte in precedenza nella lingua scelta per la traduzione. I progetti devono avere durata massima di 2 anni con inizio tra gennaio e marzo 2018.

 

 

CHI PUO’ PARTECIPARE

Editori o case editrici legalmente costituiti con personalità giuridica da almeno 2 anni in uno dei Paesi ammissibili al Sottoprogramma Cultura.

 

PAESI AMMISSIBILI

i 28 Stati UE, i Paesi EFTA/SEE (solo Islanda e Norvegia), i Paesi candidati e potenziali candidati (Albania, Bosnia-Erzegovina, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia), i Paesi PEV (solo Georgia, Moldavia, Ucraina).

 

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

Il contributo UE può coprire fino al 50% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di € 100.000

 

DOCUMENTAZIONE UTILE

Pagina web dedicata al bando