• Oggi è: mercoledì, Gennaio 23, 2019

Horizon 2020 – Pilastro Sfide per la societa’ – L’Europa in un mondo che cambia – Società inclusive, innovative e riflessive – Ricerca sull’occupabilita’, le competenze e l’integrazione nel mondo del lavoro per i migranti (REV-INEQUAL-13-2017) – Scadenza: 02 Febbraio 2017

29/Novembre/2016

Horizon 2020 – Pilastro Sfide per la societa’ – L’Europa in un mondo che cambia – Società inclusive, innovative e riflessive – Ricerca sull’occupabilita’, le competenze e l’integrazione nel mondo del lavoro per i migranti (REV-INEQUAL-13-2017)

 

TITOLO DEL BANDO

Horizon 2020 – Pilastro Sfide per la società – Ricerca sull’occupabilita’, le competenze e l’integrazione nel mondo del lavoro per i migranti (REV-INEQUAL-13-2017)

Scadenza: 02 Febbraio 2017

 

PROGRAMMA DI RIFERIMENTO

Horizon 2020 – Pilastro sfide per la societa’

DESCRIZIONE
L’afflusso post-2014 rifugiati e richiedenti asilo pone sfide significative alle economie dell’UE, alle società e ai processi di integrazione. Nel medio e lungo termine, molto dipenderà da quanto velocemente e bene questi nuovi migranti saranno integrati nel mercato del lavoro europeo. L’esperienza internazionale suggerisce che i migranti avranno tassi di occupazione e salari più bassi rispetto ai lavoratori comunitari, ma che queste differenze diminuiranno nel tempo, con il miglioramento delle loro competenze linguistiche e l’acquisizione dell’esperienza professionale nel paese ospitante. Allo stesso tempo, la loro integrazione nel mercato del lavoro di successo potrebbe anche contribuire ad alleviare gli effetti fiscali delle tendenze demografiche negative.La ricerca per affrontare questa sfida dovrebbe fare un bilancio di competenze e qualifiche dei migranti, tra cui i richiedenti asilo e rifugiati, al fine di stimare il potenziale di integrazione. L’analisi dovrebbe fornire approfondimenti sulle ragioni di tassi di disoccupazione e l’inattività dei migranti internazionali, anche a livello locale. Le esplorazioni comparative (che coinvolgono più Stati membri e, se del caso, i paesi terzi) dovrebbero coprire una vasta gamma di interventi ad esempio istruzione e la formazione, il riconoscimento delle qualifiche e delle competenze, l’accesso agli alloggi, la diversità linguistica indotta dalla migrazione e le sue conseguenze per la società, la rimozione delle restrizioni legali all’ingresso nel mercato del lavoro precoce, le competenze linguistiche, le politiche attive del mercato del lavoro, l’efficacia di integrazioni salariali e gli incentivi imprenditoriali (compreso l’accesso al credito), i regimi fiscali e previdenziali, e livelli salariali.

 

CHI PUO’ PARTECIPARE

Sono ammessi a partecipare i soggetti giuridici aventi sede legale in uno degli Stati membri UE.

PAESI AMMISSIBILI

28 Stati UE,

Paesi EFTA/SEE,

Paesi candidati all’adesione.

ENTITA’ DI CONTRIBUTO

Il contributo europeo previsto e’ di 2.5 milioni di euro.

 

DOCUMENTAZIONE UTILE

Pagina web dedicata al bando